Lo Sp. Viagrande asfalta il Belpasso Segna dieci gol D’Emanuele ne fa 5

Partita senza storia fra Sporting Viagrande e Belpasso conclusasi con un rotondo 10-0 per i padroni di casa.Lo Sporting comincia subito fortissimo : al 7’ Marziale imbecca con un bel cross dalla sinistra Scapellato che conclude di prima intenzione segnando l’ 1-0.Subito dopo ancora Sporting in gol stavolta con D’ Emanuele che con una conclusione dal limite dell’area sorprende sul primo palo il portiere.Il Viagrande continua a spingere e realizza il 3-0 con Marziale che approfitta della corta respinta di Nocilla.D’Emanuele è scatenato e al 19’ sigla la quarta rete presentandosi davanti al portiere e mostrando grande freddezza insacca.Il Belpasso non riesce a reagire ed è in totale balia dell’avversario che prima della fine del primo tempo realizza la quinta rete del match stavolta con Costa ben servito da un ottimo Marziale.Nella seconda frazione di gioco, i ragazzi di Jemma sfiorano più volte il gol nei primi venticinque minuti ma rispetto al primo tempo sono più imprecisi sotto porta; al 27’ sugli sviluppi di un calcio d’angolo si accende una mischia dell’area degli ospiti risolta da Chiglien che calcia da pochi passi il pallone in rete.Il Viagrande non si ferma anzi continua a segnare: Dama, entrando da pochi minuti, viene lanciato in contropiede e tira da fuori aerea anticipando l’uscita dell’incolpevole Nocilla.Ancora Dama è pericoloso, stavolta in versione assist-man, servendo con una sponda di testa il migliore in campo D’Emanuele che non sbaglia a tu per tu col portiere.Nei minuti finali, c’è ancora spazio per altri due gol di D’Emanuele, incontenibile per la difesa avversaria, che realizza così la cinquina personale.Finisce dunque 10-0 per lo Sporting Viagrande che torna alla vittoria, importante in chiave salvezza, dopo otto turni consecutivi senza successi; per il Belpasso un’altra pesante sconfitta e non vince così in campionato dal match di andata disputato contro lo stesso Sporting Viagrande.

 

Alessandro Coco “La Sicilia” del 27 febbraio 2017 (pag. 41)

 www.lasicilia.it