Sarà acceso un mutuo per riparare la palestra “Coco”

Si prolungano i tempi della indisponibilità- per le società sportive- della palestra polivalente “Ing. Pippo Coco”, il cui sottotetto è crollato a terra nell’aprile del 2015 e si prolungano, quindi, anche  i disagi per le società che la utilizzavano nel 2015 e che erano due di pallavolo e tre di cacio a 5, costrette a peregrinare per i campi della provincia.

La promessa di finanziamento del progetto per la riparazione dei danni e la messa in sicurezza dell’intera struttura, di circa 500 mila euro, a quanto pare, non è stata rispetta da parte della Regione Siciliana, il cui governo Crocetta, ormai, ha finito il proprio mandato. Così, dopo aver atteso invano per tanto tempo, l’amministrazione comunale ha deciso di scegliere un’altra strada al fine di poter restituire alla fruizione l’importante struttura (all’interno della quale negli anni passati erano state ospitate anche le Universiadi). La strada scelta è quella di un mutuo da accendere con il credito sportivo. Per poter concretare ciò ,il consiglio comunale è stato chiamato, l’altra sera, ad approvare alcune variazioni nel bilancio triennale, sia per quanto riguarda la parte delle entrate sia per quanto riguarda la parte delle spese. Variazioni di bilancio( illustrate dal capo area rag. Giovanni Zappalà) che sono state approvate dai dieci consiglieri della maggioranza, con l’astensione dei due consiglieri di opposizione: risultavano assenti 2 consiglieri di maggioranza e 3 di opposizione. In sintesi, è stato detto che il mutuo da accendere con il credito sportivo ammonta a 545 mila euro, la durata sarà di 15 anni e che, relativamente a 150 mila euro saranno concessi  a tasso zero e per i restanti 395 mila euro a tasso fisso. Alla delibera è stato dato il parere favorevole anche da parte dei collegio dei revisori dei conti ed è stata dichiarata immediatamente esecutiva. La speranza degli sportivi, dopo questa delibera, si è riaccesa.

 

Paolo Licciardello” “La Sicilia” del  2 novembre 2017 ( pag. 41)

 

www.lasicilia.it