Il dibattito su Aniante riapre il Centro socioculturale

Uno degli risultati più importanti dell’incontro dal titolo “Aniante e la festa di S. Mauro”, è  stato l’utilizzo, dopo 15 anni, del Centro socio culturale, nato dall’ex sala del Cine Aurora e sede, per un quarto di secolo, della parrocchia Santa Caterina, in comodato d’uso gratuito. Lo hanno sottolineato, dopo il saluto del presidente della Pro Loco, Alfio Leone, il sindaco Francesco Leonardi e Paolo Licciardello, in presenza dell’assessore Rosanna Cristaldi, del parroco Bonanno e di altri addetti ai lavori . Tutti  auspicano, adesso, una rinascita fiorente di manifestazioni culturali ad ampio respiro, in questa sala. Il sindaco Leonardi, si è soffermato sui disagi provocati dal terremoto e sull’ esigenza di ridimensionare la fastosità della festa padronale. Santo Rapisarda, vicepresidente nazionale dell’associazione culturale “Aniante-Lentini”, dopo che la giovane  Giulia Torrisi, ha recitato la poesia “Inno al paese natìo” nella quale Aniante scrive che “San Mauro, assiso su nuvole d’argento veglia sul paese che dorme” si è soffermato sulla avventurosa, e, per certi versi, difficile vita dell’allora nascente poeta, scrittore, drammaturgo e giornalista Antonio Rapisarda ,in arte Antonio Aniante, sviluppatasi tra Napoli, Roma, Firenze, Milano e Parigi, e sulla vasta produzione, anche in lingua francese, del giovane concittadino ,spentosi a Roma nel novembre del 1983. Di San Mauro Abate e della sua festa, citata nelle opere di Aniante (Gelsomino d’Arabia e Mezzuomo e I racconti della Montagna di fuoco) ha parlato Paolo Licciardello, infarcendola con gustosi episodi, non ultimo quello del compianto  ex  capocronista  de” La Sicilia” Vittorio Consoli che, per sottrarsi alla “sonorità” dei festeggiamenti, lasciava  Viagrande, dove aveva fissato la sua dimora(vi abita adesso la figlia Monica, presente all’incontro) per metà  di gennaio. Il pittore Elio Ruffo,all’inizio della serata, ha donato alla Pro Loco un proprio ritratto di Aniante.

“La Sicilia” del 7 Gennaio 2019 (pag.18)

www.lasicilia.it