Assunti 2 vigili urbani e un istruttore amministrativo

La carenza di personale nella pianta organica, a seguito di pensionamenti o richiesta di mobilità, a Viagrande,  si è trasformata in manna dal cielo per chi era alla ricerca di lavoro. Due vigili urbani , per esempio, sono stati assunti. Debbono essere grati alle proroghe che lo Stato  concede  alle graduatorie dei concorsi già espletati.  Loro erano in graduatoria ( numero 17 e 18) ad un concorso espletato nel 2012 (sindaco Vera Cavallaro): hanno ricoperto due posti vacanti  di agente di polizia municipale e dopo le visite di rito, sono stati assunti in servizio. Sono Michele Mangiameli e Mauro Castronovo. Lo scorrimento della graduatoria- consentito dalla legge- ha così evitato” le procedure concorsuali che comportano dispendio di tempo e di risorse”, così come è chiaramente scritto nella determina di incarico, firmata dalla responsabile dell’area dott.ssa Giuseppa Cuscunà. Ai due neo assunti vanno aggiunti i  tre dipendenti ex Ipab di Acireale (che da mesi non incassavano un regolare stipendio)  utilizzati a tempo pieno,  in posizione di comando, per la durata di un anno (eventualmente prorogabile)  e che sono Filippo  Panebianco (operaio generico) , Luciano Pappalardo ( custode, assegnato al cimitero) e  Carmelo Strano  ( operatore specializzato ). Infine , sempre in posizione di comando, è stato assunto, all’ufficio tecnico,  per mesi 6, un istruttore amministrativo proveniente dal Comune di Ferrara. Su quest’ultima assunzione i quattro consiglieri del gruppo di opposizione “Noi per Viagrande” hanno presentato, nell’ultimo consiglio, una  interrogazione per sapere se “ a fronte delle note carenze di organico nell’area tecnica” o in altre aree, l’Amministrazione intenda attivare “le legittime procedure concorsuali per il reclutamento del personale o preferisce procedere mediante conferimenti di incarichi che possono apparire di natura larvatamente fiduciaria”.

“La Sicilia” del 10/04/2019(pag36)