La storia di Giovanni che scelse a 12 anni di donare gli organi

Palazzo Partanna, è stato la sede ideale per un incontro sulla donazione degli organi. Gli antichi saloni  hanno conciliato le riflessioni sulla vita di ieri, infondendo una serenità quasi bucolica in contrasto con la vita forsennata di oggi.                                                                                                                                                                                                                                                                                              Un pomeriggio  di informazione sulla donazione di organi e tessuti in occasione della presentazione del libro :”Il dono” di Alfonso Ferraioli, trapiantato,  che ha espresso e trasmesso al pubblico la sua riconquistata voglia di vivere e la sua felicità nel poter comunicare agli altri la sua straordinaria esperienza, sia pure nella spasmodica attesa della telefonata da parte dei medici responsabili delle donazioni.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Ha aperto i lavori il sindaco Francesco Leonardi ( una vita trascorsa presso la locale farmacia e a contatto con migliaia di casi umani delicati). E’ seguito dall’intervento del presidente dell’Avis Stefano Giuffrida ( trent’ anni or sono la locale sezione dell’AVIS tenne il primo incontro con l’Aido) e subito dopo l’introduzione della moderatrice, Marzia Nicolosi, medico di base,  che ha ricordato come :” Da una vita che sta per spegnersi  può sempre nascere un’altra vita “. Laura Calvagno ha poi colloquiato con Ferraioli il cui lungo intervento si può racchiudere nella frase:<< Spesso chi salva una vita salva il mondo intero >>. Michele Tuttobene e Santo Reina hanno poi spiegato come si giunge al momento cruciale degli espianti degli organi. Il padre di Giovanni, un venticinquenne deceduto  in un incidente stradale e che dall’età di dodici anni aveva sempre detto di voler donare i propri organi, ha infine suscitato profonda commozione in tutti i presenti, narrando il rapporto tra la sua famiglia e le persone che hanno ricevuto gli organi del figlio. E’ stata poi spiegata la modalità per diventare donatore.

 

“La Sicilia” del 13/05/2019(pag.18)

 

www.lasicilia.it