Viagrande. Il Consiglio approva all’unanimità debiti fuori Bilancio.

L’ultimo Consiglio comunale, convocato in video conferenza, è stato aperto con un minuto di silenzio in memoria dell’ex assessore Turi Re, deceduto qualche giorno fa. Sono stati poi votati all’unanimità le motivazioni addotte per riconoscere l’urgenza della convocazione. Nel suo intervento il sindaco Francesco Leonardi ha ringraziato tutti i consiglieri comunali, i capi area, i revisori dei Conti, le istituzioni scolastiche, le associazioni di volontariato, l’Asp, il corpo forestale, segretario comunale e vicesegretario e tutti i dipendenti per la collaborazione offerta in questo anno di pandemia. «Chiudo con una nota positiva: sono felice per essere diventato, in quest’anno, nonno per ben due volte». Il Consiglio comunale ha poi approvato all’unanimità debiti fuori Bilancio, risalenti al periodo 1988- 2000, cioè in anni ben lontani dalle amministrazioni Leonardi. I debiti fuori Bilancio approvati sono di 27.456 euro a favore dei servizi reali Ancillaria società alla quale un avvocato incaricato dal Comune aveva ceduto il suo credito e di 65.118 (da liquidare in tre anni) a favore dell’Aias di Acireale per servizi trasporti portatori di handicap nel periodo 1988-1999.

Paolo Licciardello. “La Sicilia” del 6 gennaio 2012 (pag. X)